Scienze Umane

cla

  • Impostazione del costo delle certificazioni di lingue in base al proprio ISEE o tramite convenzione

  • Aumento del numero di corsi che riconoscono certificazioni di lingua esterne all’ateneo

  • Aggiungere la lingua russa alle certificazioni del TAL

esami e didattica

  • In caso di esami orali, calendarizzazione anticipata dei turni d’esame, in modo da sapere in anticipo in quale giorno si terrà effettivamente l’appello
  • Stabilire una data unica per l’apertura dei piani di studio
  • Pubblicazione delle date d’appello entro e non oltre il 30 di Ottobre
  • Impedire le sovrapposizioni di esami 
  • Ribadire che gli esiti degli esami devono essere consegnati prima dell’appello successivo, e non oltre 14 giorni
  • Appelli straordinari per tirocinanti, studenti lavoratori e in stage
  • Maggiore controllo sulla coerenza tra Syllabus di un corso ed insegnamento effettivamente erogato: è necessario che i professori aggiornino la loro pagina con puntualità
  • Controllo delle edizioni dei manuali proposti dai professori nel Syllabus: troppo spesso non sono disponibili o hanno costi eccessivi
  •  

biblioteche

  • Ampliamento dell’orario e dei giorni di apertura delle biblioteche e aule studio di scienze umane, ora limitato al lunedì-venerdì dalle 9 alle 18
  • Introduzione di un sistema di prenotazione nell’app Affluences meno macchinoso, non più di ora in ora ma a fasce orarie inseribili manualmente
  • Creazione di una piattaforma di affitto libri in formato eBook, in modo da ovviare al problema di libri introvabili o troppo costosi, tramite la digitalizzazione da parte dell’Università del suo patrimonio bibliotecario

stage e tirocini

  • Rendere più accessibile la prenotazione ai laboratori, specialmente se vincolano la registrazione agli esami.
  • Aumentare il numero dei referenti di tirocinio

lingue

  • Eliminare lo sbarramento dell’OFA, che blocca per sempre l’iscrizione al corso di lingue in caso non venga superato al secondo tentativo
  • Registrazione delle lezioni anche dopo l’emergenza Covid, in modo da ovviare al problema dei corsi che si sovrappongono