in pillole

Ingegneria

didattica

  • Introduzione di almeno 5 appelli d’esame nella Scuola
  • Rimodulazione delle propedeuticità
  • Regolamentazione degli appelli
  • Mai più appelli sovrapposti
  • Lezioni registrate
  • Istituzione della settimana dei compitini
  • Stop alle disparità tra canali
  • Introduzione di appelli straordinari
  • Introduzione di laboratori integrativi delle lezioni
  • Aumento dei progetti con riconoscimento di CFU
  • Valorizzazione del ruolo di rappresentante

servizi

  • Potenziamento del servizio Erasmus
  • Incentivare stage e tirocini
  • Potenziamento del sito web e Moodle
  • Potenziamento della rete Eduroam
  • Creazione di canali Discord e cartelle Drive
  • Miglioramento dell’orientamento in uscita dalle triennali

orari e spazi

  • Efficientare il servizio di riscaldamento, anche in Fiera
  • Più luoghi in cui studiare
  • Manutenzione degli spazi
  • Potenziare la raccolta differenziata

esteso

Ingegneria

Didattica

ALMENO 5 APPELLI

Il Regolamento Didattico di Ateneo prevede per tutti i corsi di laurea un minimo di 5 appelli l’anno. Solo ad Ingegneria sono 4. In pochi studenti sanno questa cosa, ma avere un appello in meno è un peso importante. Avere più appelli significa permetterci di organizzare meglio lo studio e laurearci prima. Vogliamo avere gli stessi diritti di tutti gli altri studenti dell’ateneo. A giurisprudenza grazie ai nostri rappresentanti ne abbiamo ottenuti addirittura 7! E’ quindi possibile averne 5 anche a ingegneria!

RIMODULAZIONE DELLE PROPEDEUTICITÀ

Nella Scuola di Ingegneria i tempi di laurea sono eccessivamente lunghi a causa dei pochi appelli e del cosiddetto “blocco informatico”. Vogliamo togliere lo sbarramento dei 30CFU tra il primo e il secondo anno e il blocco dei 75CFU tra il secondo e il terzo (comprensivi di tutti gli esami del primo anno). Proponiamo di mettere 21CFU comprensivi di analisi al primo anno e 69CFU complessivi (senza comprendere tutti gli esami del primo anno) tra il secondo e il terzo anno.

REGOLAMENTAZIONE DEGLI APPELLI

Vogliamo che il Regolamento Didattico d’Ateneo venga rispettato, dalla pubblicazione delle date degli esami alle due settimane previste tra due appelli consecutivi.

MAI PIÙ APPELLI SOVRAPPOSTI

Crediamo che questo sia uno dei maggiori problemi che riscontriamo risolvibile con una migliore organizzazione, oggi più che mai con la didattica a distanza.

LEZIONI REGISTRATE

Vogliamo che le lezioni online (sincrone o asincrone che siano) vengano messe a disposizione su moodle per un tempo minimo di 10 giorni e che vengano caricate non oltre 5 giorni dallo svolgimento della lezione. Come UDU Padova chiediamo le lezioni registrate dal 2014 per permettere anche agli studenti lavoratori di poter restare al passo con le lezioni. Oggi ci troviamo a chiedere questo servizio con ancora più forza vista anche la petizione da noi fatta che ha visto più di 5000 studenti firmare.

SETTIMANA DEI COMPITINI

Chiediamo che in tutta la Scuola di Ingegneria venga organizzata una settimana durante la quale fare i parziali. Là dove i parziali dovessero essere 2 o più, chiediamo anche la sospensione della didattica in quella settimana.

BASTA DISPARITÀ’ TRA CANALI

Vogliamo che tutti gli esami siano svolti nelle stesse modalità tra i diversi canali in modo da non creare disparità di trattamento.

APPELLI STRAORDINARI

Chiediamo appelli straordinari, specie per i corsi senza obbligo di frequenza o per studenti fuori corso e laureandi.

PIÙ LABORATORI

Soprattutto dal secondo e terzo anno di triennale, pur mantenendo una solida preparazione teorica di base. Non laboratori obbligatori, ma integrativi delle lezioni. Apertura laboratori durante l’anno a disposizione di tutti per poter fare progetti di gruppo.

PIÙ PROGETTI E RICONOSCIMENTO CFU

Possibilità di conoscere e aderire a progetti organizzati dai dipartimenti e riconoscimento di alcuni crediti (in proporzione al lavoro svolto e il tempo impiegato).

UN INCENTIVO PER CHI SI IMPEGNA NELLA RAPPRESENTANZA

Riteniamo sia doveroso che i rappresentanti degli studenti siano valorizzati e incentivati a lavorare bene per i propri colleghi.

Chiediamo quindi che sia garantito un OPEN BADGE ufficiale per tutti i rappresentanti in modo da garantire, anche, una buona continuità della rappresentanza studentesca negli anni futuri!

servizi

ERASMUS PIÙ EFFICIENTE

Migliorare la pubblicizzazione del bando e aumentare il numero di mete disponibili, rendendo, inoltre, chiare fin da subito le mete disponibili e la loro disponibilità fornendo, poi, una accurata tabella della conversione dei voti degli esami sostenuti al momento del rientro a Padova.

INCENTIVARE STAGE E TIROCINI

Aumentare il numero di possibilità e di ambienti di lavoro e verificarne l’affidabilità.

SITO WEB E MOODLE

Migliorare l’efficienza e le opportunità dei servizi web dell’ateneo.

WI-FI

È necessario ampliare la rete Eduroam, specie nelle zone aule studio e biblioteche e perché no, mettere la fibra ottica per permettere una miglior connessione.

DISCORD E DRIVE

Vogliamo creare dei canali discord per ogni corso di studi in modo da permettere a tutti gli studenti di ricevere tutte le news in tempo reale, creare le aule studio virtuali ed avere un rapporto diretto coi rappresentanti degli studenti. Vogliamo inoltre creare un drive per ogni corso dove poter inserire le lezioni registrate, gli appunti, le slide e qualsiasi cosa utile ai corsi.

ORIENTAMENTO IN USCITA

Fornire agli studenti tutti gli strumenti necessari per avere un buon orientamento verso le magistrali. Organizzare momenti di confronti con il mondo del lavoro per l’orientamento in uscita.

orari e spazi

RISCALDAMENTO

Impostare una temperatura di riscaldamento e raffreddamento in base ai gradi esterni e non al periodo, soprattutto in Fiera. In questo modo avremo delle temperature consone dove svolgere lezione e non ci saranno inutili sprechi energetici.

AULE SOVRAFFOLLATE

Fuori dal periodo del covid, gli spazi a disposizione per la Scuola di Ingegneria non sono sufficienti. Chiediamo una gestione delle aule sovraffolate soprattutto nei corsi comuni come analisi e fisica.

PIÙ LUOGHI IN CUI STUDIARE

Chiederemo il prolungamento degli orari di apertura delle aule studio (fino alle 2.00 di notte) e delle biblioteche, soprattutto nei giorni festivi.

MANUTENZIONE SPAZI

Basta bagni chiusi per mesi, fontanelle che fanno laghi di acqua agli ingressi, aule buie e lampadine cambiate dopo un semestre intero. Chiediamo che gli spazi vengano controllati quotidianamente e garantiti nel migliore dei modi.

RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

Vogliamo che in tutte le sedi di Ingegneria siano predisposti sufficienti cestini per garantire la raccolta differenziata.

non solo studio

Oltre alla rappresentanza, organizziamo iniziative culturali e di aggregazione. Nel corso di questo anno abbiamo organizzato ad esempio degli aperitivi e una conferenza sulle trivelle. Vogliamo aumentare la quantità e la qualità di questi eventi.

programmi di dipartimento

DEI 

  • Il problema degli spazi è particolarmente presente nelle sedi del DEI, come in via Gradenigo, dove la chiusura di bagni e aule è all’ordine del giorno. Chiediamo che tutti i problemi di manutenzione vengano presi in carico dal Dipartimento e dall’Ateneo. 
  • Un’altra questione annosa al DEI riguarda i cosiddetti “esami a numero chiuso”, ossia con un numero limitato di posti. Ci impegneremo per cancellare questa modalità d’esame e garantire l’accesso a tutte e tutti 
  • Inserire, come corso a scelta di 3 CFU, un esame di programmazione base che permetta a tutti gli studenti di avere una formazione minima in merito.

DII  

  • Implementare le strumentazioni messe a disposizione per la didattica online. Al momento risulta spesso complicato seguire le lezioni online per problemi di audio o di connessione.
  • Assegnare dei CFU ai progetti organizzati dai dipartimenti che richiedono particolare impegno agli studenti (es. race up)
  • Inserire, come corso a scelta, un corso di programmazione in un linguaggio diverso da matlab
  • Aggiungere nel corso di Disegno Tecnico Industriale  una parte obbligatoria di disegno al computer (CAD) , da modulare in base al corso di studi ed estendere quindi la licenza CAD a tutti gli studenti del DII
  • Inserire, soprattutto negli esami della triennale, degli esami che richiedano un lavoro di gruppo. Queste skills sono importantissime e necessarie quanto il lavoro teorico. E’ per altro necessario permettere l’accesso ai laboratori agli studenti anche per fare i lavori di gruppo (post covid).
  • Organizzare dei webinar con le aziende del territorio regionale  e nazionale relative ai singoli corsi di studio per favorire l’orientamento in uscita.

DICEA

  • Ristrutturare il laboratorio dell’aula D in via Marzolo ed aggiungere delle prese di corrente per poter collegare i pc durante le lezioni.
  • Efficientare i syllabus dei vari corsi in modo da permettere agli studenti di iniziare il semestre con la consapevolezza dello svolgimento degli esami, del materiale didattico necessario e del programma da affrontare.
  • Rispettare il regolamento didattico di Ateneo: pubblicare per tempo gli appelli delle sessioni e rispettarne le date; rispettare inoltre i 15 giorni di stacco che devono esserci tra un appello e l’altro.
  • Fornire anche le sedi del DICEA di macchinette del caffè e fontanelle di acqua

dtg

DIDATTICA

  • ALMENO CINQUE APPELLI:

Il Regolamento Didattico di Ateneo prevede per tutti i corsi di laurea un minimo di 5 appelli l’anno. Solo ad Ingegneria sono 4. In pochi studenti sanno questa cosa, ma avere un appello in meno è un peso importante. Avere più appelli significa permetterci di organizzare meglio lo studio e laurearci prima. Vogliamo avere gli stessi diritti di tutti gli altri studenti dell’ateneo. A giurisprudenza grazie ai nostri rappresentanti ne abbiamo ottenuti addirittura 7! E’ quindi possibile averne 5 anche a ingegneria!

 

  • RIMODULAZIONE DELLE PROPEDEUTICITÀ:

Nella Scuola di Ingegneria i tempi di laurea sono eccessivamente lunghi a causa dei pochi appelli e del cosiddetto “blocco informatico”. Vogliamo togliere lo sbarramento dei 30CFU tra il primo e il secondo anno e il blocco dei 75CFU tra il secondo e il terzo (comprensivi di tutti gli esami del primo anno). Proponiamo di mettere 21CFU comprensivi di analisi al primo anno e 69CFU complessivi (senza comprendere tutti gli esami del primo anno) tra il secondo e il terzo anno.

 

  • PROMUOVERE LA COOPERAZIONE STUDENTI-INSEGNANTI:

Vogliamo che il Regolamento Didattico d’Ateneo venga rispettato.

Per questo ci impegniamo a promuovere la cooperazione tra studenti ed insegnanti. Inoltre crediamo che con una maggior organizzazione e più dialogo, sia possibile anche evitare la sovrapposizione degli appelli. Già sono pochi, se non si possono sfruttare tutti a pieno, gli studenti sono ancora più penalizzati. 

 

  • LEZIONI REGISTRATE:

Chiediamo che le registrazioni delle lezioni vengano caricate su Moodle non oltre 5 giorni dallo svolgimento della lezione e che rimangano a disposizione per almeno 10 giorni. In tal modo, anche gli studenti che non seguono in modalità sincrona le lezioni possono tenersi al passo con il programma. 

  • SETTIMANA DEI COMPITINI/SOSPENSIONE DELLA DIDATTICA:

Chiederemo la settimana dei compitini regolamentata e vorremmo garantire i parziali per gli esami più pesanti dei vari corsi di studi, come Analisi 1, Fondamenti di Algebra lineare e Geometria e Fisica Generale. 

 

  • APPELLI STRAORDINARI: 

Chiediamo appelli straordinari, specie per studenti fuori corso e laureandi permettendo così una migliore organizzazione verso la laurea.

 

SERVIZI

  • DISCORD E DRIVE:

Vogliamo creare dei canali discord per ogni corso di studi in modo da permettere a tutti gli studenti di ricevere tutte le news in tempo reale, creare le aule studio virtuali ed avere un rapporto diretto coi rappresentanti degli studenti. Vogliamo inoltre creare un drive per ogni corso dove poter inserire le lezioni registrate, gli appunti, le slide e qualsiasi cosa utile ai corsi.

 

  • PIÙ PROGETTI:

Ci impegneremo a rendere i progetti di Istituto, inerenti ai corsi, più accessibili anche alla sede di Vicenza, con eventuale riconoscimento di crediti in base al contributo e impegno dimostrato (come per il progetto RaceUp svolto a Padova).

Quindi anche più laboratori integrativi, non obbligatori, di gruppo (appena possibile) e individuali. 

 

  • PIÙ LABORATORI:

soprattutto dal secondo e terzo anno di triennale, pur mantenendo una solida preparazione teorica di base. Non laboratori obbligatori, ma integrativi delle lezioni. Apertura laboratori durante l’anno a disposizione di tutti per poter fare progetti di gruppo.

 

  • MENSA APERTA ANCHE LA SERA

Proposta che va a braccetto con quella di portare l’estensione dell’orario di apertura delle aule studio fino alle 23: la possibilità di usufruire del servizio mensa alla sera sarebbe un vantaggio logistico per gli studenti, che non si troverebbero più obbligati a dover chiudere i libri e a tornare a casa, ma potrebbero fermarsi lì per poi ricominciare a studiare senza perdere troppo tempo negli spostamenti. Questa proposta si allega anche a quella di abbassare la spesa media degli appartamenti a Vicenza permettendo così agli studenti del dtg di poter vivere la propria esperienza universitaria a 360 gradi.

 

  • PAGAMENTO POS IN MENSA:

Sempre per quanto riguarda la mensa, proponiamo di introdurre la modalità POS alla cassa, in modo tale da facilitare il pagamento e  velocizzare lo scorrimento della fila.

 

  • ERASMUS PIÙ EFFICIENTE:

Migliorare la pubblicizzazione del bando e aumentare il numero di mete disponibili, rendendo, inoltre, chiare fin da subito le mete disponibili e la loro disponibilità fornendo, poi, una accurata tabella della conversione dei voti degli esami sostenuti al momento del rientro nella sede di origine.

 

  • SITO WEB E MOODLE

migliorare l’efficienza e le opportunità dei servizi web dell’ateneo.

 

  • WI-FI

crediamo sia necessario ampliare la rete Eduroam, specie nelle zone aule studio e biblioteche e perché no, mettere la fibra ottica per permettere una miglior connessione.

 

ORARI E SPAZI

  • RISCALDAMENTO:

Impostare una temperatura di riscaldamento/raffreddamento in base ai gradi esterni e non al periodo. In questo modo avremo delle temperature consone dove svolgere lezione e non ci saranno inutili sprechi energetici.

 

  • AULE SOVRAFFOLLATE:

Fuori dal periodo del covid, gli spazi a disposizione per la Scuola di Ingegneria non sono sufficienti. Chiediamo una gestione delle aule sovraffolate soprattutto nei corsi comuni come analisi e fisica.

 

  • PIÙ LUOGHI IN CUI STUDIARE ed ESTENSIONE ORARI:

Quando torneremo a vivere l’università senza COVID-19, le nostre aule studio non basteranno più.

Sotto esempio della VM52 che resta aperta fino a tardi in sessione chiederemo di prolungare gli orari di apertura di tutte le aule studio fino alle 23.00 durante tutto l’anno.

 

  • MANUTENZIONE SPAZI:

Basta aule fredde, sedie rotte, aule buie e lampadine cambiate dopo un semestre intero. Vogliamo che gli spazi vengano controllati quotidianamente e garantiti nel migliore dei modi.

In particolar modo, chiediamo che l’Aula Magna venga ristrutturata o perlomeno che vengano cambiate tutte le poltroncine ed i tavolini. Inoltre, chiediamo che i distributori automatici di bibite e snack vengano riparati al più presto e resi funzionanti in ogni sede del DTG. 

 

  • RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI:

Vogliamo che in tutte le sedi di Ingegneria siano predisposti sufficienti cestini per garantire la raccolta differenziata.

 

  • COMMON ROOM:

Ci siamo resi conto che all’interno del Dipartimento, non ci sono spazi liberi per gli studenti che non siano per il mero studio in silenzio. Bisogna ricordarsi che non siamo solo studenti, ma anche giovani che hanno bisogno di luoghi dove esprimersi e dove collaborare, e per questo vogliano che venga creata una commonroom, un punto di incontro per gli studenti, per collaborare assieme, fare nuove conoscenze, o consumare un pasto durante la pausa.

 

  • TRASPORTI E PARCHEGGI:

In molti casi raggiungere l’università a Vicenza è complesso, per questo vogliamo cercare di migliorare il trasporto pubblico magari chiedendo di aggiungere altre corse negli orari di punta.
Per gli studenti che vengono con la loro auto inoltre vorremmo rendere gratuiti i vari parcheggi nelle zone limitrofe alle sedi, che ora come ora sono a pagamento o riservati solamente a personale e professori.

 

NON SOLO STUDIO

Oltre alla rappresentanza, organizziamo iniziative culturali e di aggregazione. Nel corso di questo anno abbiamo organizzato ad esempio degli aperitivi e una conferenza scientifico-culturali. Vogliamo aumentare la quantità e la qualità di questi eventi.

  • MERCOLEDÌ UNIVERSITARIO:

Tanto importante è lo studio quanto socializzare e conoscere nuovi “amici” o “colleghi”, per questo proponiamo un appuntamento fisso, aperto a chiunque, il mercoledì ad orario aperitivo. Il tutto organizzato in accordo con i bar di Vicenza, in modo da garantirgli una buona affluenza di persone così da poter offrire un prezzo ridotto a tutti gli studenti.

 

  • CONTRATTI D’AFFITTO A MISURA DI STUDENTE:

Ci proponiamo di migliorare, in accordo con il Comune e il SUNIA (sindacato degli inquilini), il contratto di affitto per studenti di Vicenza. Potremo così contenere notevolmente le spese degli studenti e rendere la città più viva grazie agli studenti fuori sede.

 

  •  ORIENTAMENTO IN USCITA:

Fornire agli studenti tutti gli strumenti necessari per avere un buon orientamento verso le magistrali. Organizzare momenti di confronti con il mondo del lavoro per l’orientamento in uscita.

 

  •  INFORMAZIONE SUI CONTRATTI DI STAGE:

Organizzare degli eventi per sensibilizzare ed informare gli studenti sulle tipologie di contratti di stage, rendendoli più consapevoli dei propri diritti.